domenica 19 gennaio 2020
 
 
Domanda n. 1
Il testatore può nominare con il testamento più esecutori testamentari?
1)
No, può nominare un solo esecutore e più suoi sostituti in ordine successivo tra loro
2)
No
3)
4)
Sì, purché non siano suoi eredi legittimari

Domanda n. 2
Il contratto preliminare avente per oggetto la conclusione di un contratto di compravendita della proprietà di beni immobili:
1)
può essere trascritto nei registri immobiliari solo su richiesta di entrambe le parti, ancorché risulti da atto pubblico o da scrittura privata autenticata o accertata giudizialmente
2)
deve essere trascritto nei registri immobiliari se almeno una delle sottoscrizioni sia stata autenticata
3)
non può essere trascritto nei registri immobiliari qualunque sia la forma in cui è stato concluso
4)
deve essere trascritto nei registri immobiliari se risulta da atto pubblico o da scrittura privata con sottoscrizioni autenticate o accertate giudizialmente

Domanda n. 3
Nella società in nome collettivo “Beta di Tizio, Caio e C. s.n.c.”, costituita fra Filano, Calpurnio, Caio, Tizio, Sempronio e Mevio ed avente per oggetto la produzione e la commercializzazione di succhi di frutta, Filano ha conferito 50.000 euro in denaro, Calpurnio ha conferito in godimento dieci ettari di frutteto e Caio, Tizio, Sempronio e Mevio hanno conferito la proprietà dei locali nei quali viene svolta l'attività produttiva. A causa di un incendio provocato da un fulmine, detti locali vengono distrutti. A norma del codice civile, in assenza di specifiche pattuizioni, a carico di chi è il rischio di tale perimento?
1)
Di Caio, Tizio, Sempronio, Mevio e Filano
2)
Di Caio, Tizio, Sempronio e Mevio
3)
Di Caio, Tizio, Sempronio, Mevio, Filano e Calpurnio
4)
Della società

Domanda n. 4
È soggetta a prescrizione l'azione di petizione dell'eredità?
1)
Sì, ma il termine è diverso a seconda della natura dei beni dei quali l'erede pretende la restituzione
2)
No, ma solo se l'erede è incapace
3)
4)
No, salvi gli effetti dell'usucapione rispetto ai singoli beni

Domanda n. 5
Il possessore attuale che ha posseduto in tempo più remoto:
1)
Si presume che abbia posseduto anche nel tempo intermedio solo se la cosa oggetto del possesso sia un bene immobile nel quale il possessore ha dimorato abitualmente per tutto il periodo
2)
Non si presume che abbia posseduto anche nel tempo intermedio, dovendo lo stesso possessore fornire sempre la prova di tale possesso
3)
Si presume che abbia posseduto anche nel tempo intermedio
4)
Si presume che abbia posseduto anche nel tempo intermedio solo se abbia un titolo a fondamento del suo possesso

Domanda n. 6
Nell'ipotesi di legato di cosa di un terzo, qualora dal testamento risulti che il testatore sapeva che la cosa legata apparteneva al terzo, l'onerato è obbligato:
1)
Esclusivamente a pagare al legatario il valore della cosa sulla base della perizia di un consulente tecnico d'ufficio nominato dall'autorità giudiziaria
2)
Ad acquistare la proprietà della cosa dal terzo ed a trasferirla al legatario, ma è in sua facoltà di pagarne al legatario il giusto prezzo
3)
Esclusivamente ad acquistare la proprietà della cosa dal terzo ed a trasferirla al legatario
4)
A mettere in relazione il terzo ed il legatario per la conclusione del contratto di trasferimento

Domanda n. 7
Tizio, cittadino italiano per molti anni residente in Germania, stato in cui non risiede più essendo rientrato definitivamente in Italia, sua attuale ed effettiva residenza, si reca dal notaio Romolo Romani di Roma esponendogli di aver sottoposto, quando ancora era residente in Germania, mediante dichiarazione espressa in forma testamentaria ricevuta da notaio italiano, l’intera sua successione alla legge tedesca. Al notaio chiede se, in caso di sua morte, detta scelta continui ad esplicare effetto; il notaio risponderà che:
1)
la scelta della legge tedesca quale legge regolatrice della successione non avrà comunque effetto in quanto fatta con testamento ricevuto da notaio italiano
2)
la scelta della legge tedesca quale legge regolatrice della successione produrrà effetti al momento della morte di Tizio se nell'arco della sua vita egli sarà stato prevalentemente residente in Germania
3)
la scelta della legge tedesca quale legge regolatrice della successione avrà effetto in quanto effettuata in forma testamentaria quando Tizio risiedeva in Germania
4)
la scelta della legge tedesca quale legge regolatrice della successione non avrà effetto se al momento della morte Tizio non sarà residente in Germania

Domanda n. 8
Caio ha eseguito in mala fede con cose di Mevio, delle quali non poteva disporre, il pagamento a cui era tenuto nei confronti del creditore Tizio, che ha in buona fede ricevuto il pagamento stesso. Caio può impugnare il pagamento eseguito?
1)
No, anche se offre di eseguire la prestazione dovuta con cose di cui può disporre
2)
No, salvo che offra di eseguire la prestazione dovuta con cose di cui può disporre
3)
Sì, anche se non offre di eseguire la prestazione dovuta con cose di cui può disporre
4)
Sì, salvo che Tizio provi che Caio ha eseguito il pagamento in mala fede

Domanda n. 9
Il 2 giugno 2003 Tizio e Caio hanno concluso un contratto di mandato che sette mesi dopo si estingue per la sopravvenuta incapacità del mandanteTizio. Qualora Caio abbia già iniziato l'esecuzione del mandato:
1)
deve continuarla in ogni caso
2)
non è tenuto a continuarla
3)
deve continuarla solo se il mandato era a titolo oneroso
4)
deve continuarla, se vi è pericolo nel ritardo

Domanda n. 10
Con testamento olografo Tizio ha istituito erede Caio sostituendogli Sempronio per il caso che Caio non possa o non voglia accettare l'eredità. Caio accetta l'eredità decorsi due mesi dall'apertura della successione. Dopo quindici anni dalla morte di Tizio viene accertato, con sentenza passata in giudicato, che Caio ha volontariamente ucciso Tizio. Con la medesima sentenza viene anche pronunziata l'indegnità di Caio e la conseguente esclusione del medesimo dalla successione di Tizio. In tale cas
1)
Sempronio è considerato erede se, prima del decorso del termine di dieci anni dall'apertura della successione, essendo a conoscenza del procedimento penale a carico di Caio, ha accettato l'eredità subordinando tale accettazione alla condizione sospensiva della dichiarazione di indegnità di Caio
2)
Sempronio non può più accettare l'eredità di Tizio in quanto il relativo diritto si è prescritto in dieci anni dal giorno dell'apertura della successione, salvo che l'autorità giudiziaria, nel pronunziare l'indegnità di Caio, abbia fissato un termine entro il quale Sempronio dichiari se accetta o rinunzia all'eredità
3)
Sempronio ha ancora diritto di accettare l'eredità di Tizio in quanto il relativo termine non corre per i chiamati ulteriori se vi è stata accettazione da parte di precedenti chiamati e successivamente il loro acquisto ereditario è venuto meno
4)
Sempronio non può più accettare l'eredità di Tizio in quanto il relativo diritto si è prescritto in dieci anni dal giorno dell'apertura della successione


User Area

 
Logout

STRUMENTI UTILI


Ti piace questo sito? Votalo in "Sullarete.it"