martedì 01 dicembre 2020
 
 
Domanda n. 1
Se l'usufrutto è stabilito soltanto sopra un edificio e questo viene in qualsiasi modo a perire, il proprietario se intende costruire un altro edificio:
1)
Ha il diritto di occupare l'area e di valersi dei materiali senza nulla corrispondere all'usufruttuario
2)
Ha il diritto di occupare l'area e di valersi dei materiali pagando all'usufruttuario, per un quinquennio dal perimento dell'edificio, gli interessi sulla somma corrispondente al solo valore dei materiali
3)
Ha il diritto di occupare l'area e di valersi dei materiali pagando all'usufruttuario, durante l'usufrutto, gli interessi sulla somma corrispondente al valore dell'area e dei materiali
4)
Può occupare l'area e valersi dei materiali solo previo espresso consenso scritto dell'usufruttuario

Domanda n. 2
Mevio vanta nei confronti di Sempronio quattro crediti, tutti scaduti, dei quali: il primo di euro 1.000, garantito da pegno su un orologio di proprietà della madre di Sempronio; il secondo di euro 60.000, garantito da ipoteca sul fondo Corneliano di proprietà di Sempronio; il terzo di euro 10.000, privo di garanzia, ed il quarto di euro 15.000, garantito da ipoteca su un immobile di proprietà dello stesso Sempronio. A norma del codice civile, in mancanza di apposita dichiarazione sia del debitore che del creditore, a quale debito deve essere imputato il pagamento di euro 1.000 eseguito dal debitore ed accettato dal creditore?
1)
Al debito di euro 15.000
2)
Al debito di euro 10.000
3)
Al debito di euro 60.000
4)
Al debito di euro 1.000

Domanda n. 3
Una società per azioni controllata da altra società può acquistare a titolo gratuito azioni della controllante?
1)
Sì, sempre che si tratti di azioni interamente liberate ed in questo caso non si applica il limite degli utili distribuibili e delle riserve disponibili risultanti dall'ultimo bilancio regolarmente approvato
2)
Sì, anche se si tratta di azioni non interamente liberate ed oltre il limite degli utili distribuibili e delle riserve disponibili risultanti dall'ultimo bilancio regolarmente approvato
3)
No, mai
4)
Sì, anche se si tratta di azioni non interamente liberate, purché nei limiti degli utili distribuibili e delle riserve disponibili risultanti dall'ultimo bilancio regolarmente approvato

Domanda n. 4
Tizio intende donare al figlio Caio i diritti che gli spetteranno sulla successione della madre, non ancora aperta, e chiede al notaio di ricevere il relativo atto. Il notaio risponderà:
1)
che l'atto di donazione non può essere ricevuto in quanto violerebbe il divieto dei patti successori
2)
che l'atto di donazione non può essere ricevuto se non con l'intervento della madre
3)
che l'atto di donazione può essere ricevuto, ma la donazione è soggetta a revocazione da parte di Tizio fino all'apertura della successione della madre
4)
che l'atto di donazione può essere ricevuto se sottoposto alla condizione sospensiva della premorienza della madre al donante

Domanda n. 5
Le liberalità, anche se risultano da atti diversi dalla donazione, sono soggette alle stesse norme sulla riduzione delle donazioni per integrare la quota dovuta ai legittimari?
1)
Sì, anche se si tratti di liberalità rimuneratorie o di spese non soggette a collazione
2)
No, salvo che si tratti di liberalità che eccedono notevolmente la misura ordinaria tenuto conto delle condizioni economiche del donante
3)
Sì, salvo che si tratti di liberalità che si suole fare in occasione di servizi resi o comunque in conformità agli usi o di spese non soggette a collazione
4)
No

Domanda n. 6
Tizio e Caio, proprietari rispettivamente dei fondi agricoli confinanti Tuscolano e Semproniano, si recano dal notaio chiedendogli di ricevere un atto pubblico con il quale Tizio si obbliga a costituire, a carico del proprio fondo ed a favore del fondo di Caio, che si obbliga a pagare il corrispettivo di diecimila euro, servitù di passaggio pedonale sotto la condizione sospensiva che entro un anno non venga approvato un nuovo piano regolatore che preveda una destinazione urbanistica del fondo servente diversa dall'attuale. Tale contratto:
1)
non deve essere trascritto nei registri immobiliari, trattandosi di contratto ad effetti meramente obbligatori e non reali, ma può esserlo su espressa richiesta della parte che ha interesse contrario all'avveramento della condizione
2)
deve essere trascritto nei registri immobiliari, trattandosi di contratto preliminare avente ad oggetto la conclusione di un contratto che costituisce una servitù prediale ancorché sottoposto a condizione
3)
non può in nessun caso essere trascritto nei registri immobiliari, trattandosi di contratto sottoposto a condizione
4)
non può, in pendenza della condizione, essere trascritto nei registri immobiliari, ma può esserlo dal giorno in cui è certo che l'evento dedotto in condizione non può più verificarsi

Domanda n. 7
Salvo contraria disposizione del contratto sociale, in caso di morte di uno dei soci accomandatari di una società in accomandita semplice, gli altri soci, qualora non preferiscano sciogliere la società ovvero continuarla con gli eredi che vi acconsentano, devono:
1)
Liquidare la quota agli eredi
2)
Modificare l'oggetto sociale
3)
Presentare istanza al presidente del tribunale competente affinché nomini un nuovo socio in sostituzione di quello defunto
4)
Trasformare la società in società in nome collettivo

Domanda n. 8
Il creditore di un società in nome collettivo proprietaria di beni immobili può pretendere il pagamento dai singoli soci prima dell'escussione del patrimonio sociale?
1)
No, salvo che la società sia in liquidazione
2)
Sì, dai soci che hanno agito in nome e per conto della società
3)
Sì, anche se la società è in liquidazione
4)
No

Domanda n. 9
Il discendente che succede per rappresentazione deve fare collazione di ciò che è stato donato all'ascendente?
1)
Sì, ma solo se abbia rinunziato all'eredita' dell'ascendente
2)
3)
Sì, ma solo se abbia accettato l'eredita' dell'ascendente
4)
No

Domanda n. 10
In una società a responsabilità limitata, in mancanza di diversa disposizione dell'atto costituitivo, l'azione di responsabilità contro gli amministratori può essere oggetto di rinuncia o transazione da parte della società?
1)
Sì, purché vi consenta l'intero capitale sociale
2)
Sì, purché vi consenta una maggioranza dei soci rappresentante almeno i due terzi del capitale sociale e purché non si oppongano tanti soci che rappresentano almeno il decimo del capitale sociale
3)
No, l'azione di responsabilità contro gli amministratori non può mai essere oggetto di rinuncia, mentre può essere oggetto di transazione da parte della società purché approvata con espressa deliberazione dell'assemblea e non vi sia il voto contrario di una minoranza di soci che rappresenti almeno un quinto del capitale sociale
4)
No, l'azione di responsabilità contro gli amministratori non può mai essere oggetto di rinuncia o transazione da parte della società


User Area

 
Logout

STRUMENTI UTILI


Ti piace questo sito? Votalo in "Sullarete.it"