lunedì 25 settembre 2017
 
 
Domanda n. 1
Se risulta l’errore sulla persona dell’imputato, il Giudice pronuncia sentenza di non luogo a procedere:
1)
Sentiti il Pubblico Ministero e il difensore
2)
Sentito solo il Pubblico Ministero
3)
Sentito solo il difensore
4)
Sentito, facoltativamente, solo l’imputato
5)
Sentiti il Pubblico ministero, il difensore e l’imputato

Domanda n. 2
sì, può rimettere il ricorso alle sezioni unite, anche d’ufficio, quando rileva che la questione di diritto sottoposta al suo esame ha dato luogo, o può dar luogo, ad un contrasto giurisprudenziale
1)
sì, qualora lo ritenga opportuno può rimettere il ricorso alle sezioni unite, ma solo su richiesta delle parti
2)
sì, può rimettere il ricorso alle sezioni unite, anche d’ufficio, quando rileva che le questioni proposte sono di
3)
speciale importanza e quando occorre dirimere un contrasto già insorto tra le decisioni delle singole sezioni
4)
no, mai
5)
sì, può rimettere il ricorso alle sezioni unite, anche d’ufficio, quando rileva che le questioni sottoposte al suo esame sono di speciale importanza

Domanda n. 3
Qual è il termine entro il quale il difensore dell’imputato può richiedere il riesame dell’ordinanza che dispone la misura coercitiva?
1)
il termine è di due mesi dalla notificazione dell’avviso di deposito dell’ordinanza che dispone la misura
2)
il termine è di cinque giorni dalla notificazione dell’avviso di deposito dell’ordinanza che dispone la misura
3)
il termine è di dieci giorni dalla notificazione dell’avviso di deposito dell’ordinanza che dispone la misura
4)
non è prevista la proposizione di richiesta di riesame da parte del difensore dell’imputato
5)
il termine è di sei mesi dal deposito dell’ordinanza che dispone la misura

Domanda n. 4
Il Giudice può condurre direttamente l’esame della persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria nel giudizio dinanzi al Tribunale monocratico?
1)
no, mai
2)
sì, se vi è concorde richiesta delle parti
3)
sì, sempre
4)
sì, ma solo se il Pubblico Ministero vi acconsente
5)
sì, ma solo se la persona vi acconsente

Domanda n. 5
Quali norme si applicano nel caso in cui si voglia chiedere l’estradizione di un soggetto che si trova all’estero?
1)
gli accordi internazionali ed in mancanza le norme del Codice di Procedura Penale
2)
non esistono norme specifiche
3)
norme previste, se previste, per i singoli delitti
4)
si richiede di volta in volta l’intervento della magistratura competente
5)
si richiede l’intervento della Presidenza del Consiglio

Domanda n. 6
In materia penale, l’appello incidentale può essere proposto:
1)
dalla parte che non è legittimata a proporre l’appello principale
2)
solo dal Pubblico Ministero
3)
solo dall’imputato
4)
dalla parte che non ha proposto impugnazione
5)
solo dall’imputato che ha rinunciato all’impugnazione

Domanda n. 7
Se l’imputato dimora all’estero, ma non vi sono notizie precise né sufficienti per provvedere alla notificazione all’estero a norma di legge:
1)
l’Autorità Giudiziaria incarica il Console del distretto consolare, di consegnare copia dell’atto al destinatario dopo le eventuali ricerche
2)
s’invia raccomandata con avviso di ricevimento con l’invito di eleggere domicilio nel territorio
3)
l’Autorità Giudiziaria dichiara la latitanza del destinatario e nomina il difensore
4)
l’Autorità Giudiziaria dispone la notifica mediante pubblici annunzi sulla Gazzetta Ufficiale
5)
l’Autorità Giudiziaria, prima di pronunciare decreto d’irreperibilità, dispone le ricerche anche fuori del territorio

Domanda n. 8
Cosa avviene se, in seguito all’istruzione dibattimentale, risulta che il fatto ipotizzato come reato non sussiste?
1)
il Giudice deve pronunciare una sentenza di assoluzione
2)
il Giudice emette una sentenza di archiviazione
3)
il Pubblico Ministero può chiedere l’archiviazione del procedimento
4)
il Pubblico Ministero può chiedere una proroga delle indagini preliminari
5)
il Giudice emette una sentenza di non doversi procedere

Domanda n. 9
Lo stato italiano può revocare le misure cautelari irrogate, su richiesta dello stato estero nei confronti della persona della quale è domandata l’estradizione?
1)
sì, quando entro sei mesi dalla comunicazione allo stato estero dell’applicazione delle misure non è pervenuta al Ministero degli Esteri o a quello della Giustizia la domanda di estradizione ed i documenti previsti
2)
sì, quando entro trenta giorni dalla comunicazione allo stato estero dell’applicazione delle misure non è pervenuta al Ministero degli Esteri o a quello della Giustizia la domanda di estradizione ed i documenti previsti
3)
sì, quando entro due mesi dalla comunicazione allo stato estero dell’applicazione delle misure non è pervenuta al Ministero degli Esteri o a quello della Giustizia la domanda di estradizione ed i documenti previsti
4)
sì, quando entro sette giorni dalla comunicazione allo stato estero dell’applicazione delle misure non è pervenuta al Ministero degli Esteri o a quello della Giustizia la domanda di estradizione ed i documenti previsti
5)
sì, quando entro quaranta giorni dalla comunicazione allo stato estero dell’applicazione delle misure non è pervenuta al Ministero degli Esteri o a quello della Giustizia la domanda di estradizione ed i documenti previsti

Domanda n. 10
La sentenza di condanna dell’imputato deve essere motivata?
1)
sì, ma solo nei casi espressamente previste dalla legge
2)
sì, sempre
3)
sì, tutte le sentenza vanno motivate ad eccezione delle sentenze di assoluzione perché il fatto non sussiste
4)
si, tranne i casi espressamente previsti dalla legge
5)
sì, ma solo se le parti ne facciano formale richiesta


User Area

 
Logout

STRUMENTI UTILI


Ti piace questo sito? Votalo in "Sullarete.it"