venerdì 07 agosto 2020
 
 
Domanda n. 1
Le parti private possono sostituire la notifica dell’atto?
1)
sì, a mezzo fax, solo previa autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria
2)
no
3)
sì, mediante consegna dell’atto nelle mani del destinatario
4)
sì, mediante invio di copia dell’atto, da parte del difensore, con raccomandata con avviso di ricevimento
5)
Sì; per motivi d’urgenza, se autorizzate dall’Autorità Giudiziaria, la parte può attivare la Polizia Giudiziaria affinché consegni l’atto

Domanda n. 2
Il patteggiamento nei procedimenti di competenza del Tribunale monocratico:
1)
è ammissibile solo se vi è citazione diretta in giudizio
2)
non è ammissibile
3)
è ammissibile secondo le regole speciali dettate dal Codice di Procedura Penale per il rito monocratico
4)
è ammissibile secondo le regole generali previste dal Codice di Procedura Penale
5)
è ammissibile solo se viene celebrata l’udienza preliminare

Domanda n. 3
Qual è il giudice competente a giudicare dei reati di attentato per finalità terroristiche o di eversione?
1)
La Corte d’assise
2)
In ogni caso il Tribunale collegiale
3)
Il tribunale collegiale, nelle ipotesi aggravate, il tribunale monocratico, nelle altre ipotesi
4)
La Corte d’assise, in presenza di talune aggravanti, il tribunale collegiale, nelle altre ipotesi
5)
La Corte di Cassazione

Domanda n. 4
Che cosa accade se una sentenza impugnata con ricorso per Cassazione presenta errori di diritto nella motivazione o erronee indicazioni di testi di legge, che non hanno avuto un’influenza decisiva sul dispositivo?
1)
la Corte di Cassazione annulla la sentenza con rinvio
2)
la Corte di Cassazione rigetta il ricorso
3)
la Corte di Cassazione dichiara l’inammissibilità del ricorso
4)
la Corte di Cassazione non ne dichiara l’annullamento, ma specifica nella sentenza le censure e le rettificazioni occorrenti
5)
la Corte di Cassazione annulla la sentenza senza rinvio

Domanda n. 5
A conclusione della fase dibattimentale, chi può avere la parola per ultimo nella discussione finale?
1)
l’imputato o il suo difensore
2)
il Pubblico Ministero
3)
la persona offesa dal reato
4)
il Pubblico Ministero e la persona offesa dal reato
5)
una qualsiasi delle parti indicata discrezionalmente dal Giudice

Domanda n. 6
La comunicazione telefonica ha valore di notificazione, con effetto dal momento in cui è avvenuta:
1)
solo se disposta con ordinanza dal Giudice in caso di urgenza e se fatto all’imputato
2)
sempre che sia seguita da una raccomandata dell’ufficiale giudiziario o della Polizia Giudiziaria al destinatario
3)
solo se fatta all’imputato a seguito della dichiarazione o elezione di domicilio
4)
sempre che della stessa sia data immediata conferma al destinatario mediante telegramma
5)
in nessun caso

Domanda n. 7
Le misure interdittive perdono efficacia:
1)
quando dall’inizio della loro esecuzione è trascorso un periodo di tempo pari ai termini previsti per la custodia cautelare
2)
quando dall’inizio della loro esecuzione è trascorso un periodo di tempo pari ai termini previsti per le misure coercitive diverse dalla custodia cautelare
3)
quando sono trascorsi due mesi dall’inizio della loro esecuzione, salvo che non siano disposte per esigenze probatorie
4)
quando sono trascorsi sei mesi dall’inizio della loro esecuzione
5)
quando sono trascorsi tre mesi dall’inizio della loro esecuzione

Domanda n. 8
Nell’ambito del processo penale, le parti possono ricusare il perito?
1)
solo l’imputato ha la facoltà di ricusare il perito
2)
sì, in tutti i casi in cui ritengono che non possa espletare al meglio il suo incarico
3)
solo il Pubblico Ministero può ricusare il perito
4)
sì, nelle stesse ipotesi per le quali è prevista l’astensione del Giudice
5)
no, in nessun caso

Domanda n. 9
Se il testimone, regolarmente citato o convocato, omette senza un legittimo impedimento di comparire nel luogo, giorno e ora stabiliti, il Giudice:
1)
può ordinarne l’arresto
2)
può ordinarne l’accompagnamento coattivo e può altresì condannarlo, con ordinanza, al pagamento di un’ammenda
3)
può condannarlo al pagamento di un’ammenda, ma non può ordinarne l’accompagnamento coattivo
4)
può ordinarne l’accompagnamento coattivo
5)
può condannarlo, anche con ordinanza, alla reclusione

Domanda n. 10
In materia processuale penale, quando la notifica non può essere eseguita in mani proprie del destinatario:
1)
l’Autorità Giudiziaria designa un difensore d’ufficio e la notifica è eseguita mediante consegna di copia dell’atto al difensore
2)
l’ufficiale giudiziario o la Polizia Giudiziaria consegna sempre l’atto dandone immediato avviso all’Autorità Giudiziaria
3)
l’ufficiale giudiziario o la Polizia Giudiziaria deve effettuare un secondo accesso in un giorno successivo ed in orario diverso da quello della prima notifica
4)
l’ufficiale giudiziario o la Polizia Giudiziaria consegna la copia dell’atto da notificare, fatta eccezione per il caso di notificazione al difensore o al domiciliatario, inserito in busta che provvedono a sigillare
5)
l’ufficiale giudiziario o la Polizia Giudiziaria deposita una copia dell’atto anche nella casa comunale


User Area

 
Logout

STRUMENTI UTILI


Ti piace questo sito? Votalo in "Sullarete.it"